Monday, 9th 12 2019
17:25:32

We have 131 guests and no members online

  • Facebook Page: 526695580737775
  • Twitter: ilcalciolagente
  • YouTube: IlCalcioedellaGente
You are here:
Friday, 22 February 2019 14:48

Il centro nevralgico dell'universo

Rate this item
(1 Vote)

22 febbraio 2019

di maurizio paolillo

Il 12 febbraio scorso è venuto a mancare Gordon Banks. Per la maggior parte dei miei lettori la notizia significherà poco. Solo pochi appassionati, dotati di capelli bianchi e buona memoria, ricorderanno il nome di colui che fino a pochi giorni fa appariva solo un innocuo omino, ottantenne e non troppo in salute. In realtà è stato uno dei più grandi portieri di tutti i tempi, Campione del Mondo con l’Inghilterra nel 1966. Come poteva capitare solo a quell’epoca, giocò sempre in squadre di livello medio, il Leicester e lo Stoke City, ma, nonostante ciò, collezionò 73 presenze nella rappresentativa dei 3 Leoni e una Coppa del Mondo, o Coppa Rimet come si chiamava allora.

Nell’immaginario collettivo, il suo nome è associato in prevalenza a un episodio avvenuto nel corso del successivo campionato mondiale, quello di Mexico ’70. L’Inghilterra campione in carica incrociò, nel girone eliminatorio, i grandi favoriti del Brasile, considerata la più grande squadra di tutti i tempi. Almeno 8 di quegli 11 erano autentici fuoriclasse, ma il più grande di tutti era O Rey, Pelé. Siamo nel primo tempo, sul risultato di 0-0; su perfetto lancio verticale del capitano Carlos Alberto, l’incontenibile Jairzinho sfugge al terzino Cooper e pennella un cross al centro per la testa di Pelè. La Perla Nera stacca in maniera prepotente e indirizza con forza e precisione verso il secondo palo. Prima di posare i piedi a terra già prorompe in una gioia incontenibile per il gol oramai certo. Ma il grido gli si strozza in gola quando si accorge che l’ineffabile Banks, che era appostato dalla parte opposta a coprire il suo palo, con un imprevedibile balzo da pantera, caccia fuori il pallone dalla porta deviandolo oltre la traversa, tra lo stupore di compagni, avversari, pubblico e commentatori vari. Sarà ricordata semplicemente come: la parata del secolo

Il suo momento di massima gloria resta indubbiamente il Mondiale del ’66. Quella edizione sarà ricordata come una delle meno spettacolari, con più tatticismo e minor numero di gol della storia. Però a vincerlo fu una grande squadra, con molti ottimi calciatori, un attaccante implacabile, Geoffrey Hurst, tirato fuori dal cilindro un attimo prima dell’esordio, e almeno 3 fuoriclasse: il difensore centrale e capitano Bobby Moore, con una dotazione di fosforo e classe difficilmente eguagliabili; il grandeBobby Charlton, attaccante moderno, dotato di classe e potenza, pallone d’oro in quello stesso ’66; infine il nostro Gordon Banks, il re del piazzamento, portiere sempre essenziale, raramente plateale, straordinariamente efficace.

A ben vedere, però, quel Mondiale non fu vinto dall’Inghilterra squadra di calcio, bensì dall’Inghilterra nazione. Il 30 luglio 1966, giorno della finale di Wembley, Londra non era solo la capitale del pallone, era la capitale del mondo!

Eravamo nel pieno dei favolosi anni sessanta e tutto stava accadendo nella grande isola a nord della Manica. I Beatles non erano un fenomeno musicale e di costume in sé; sono stati la punta di diamante di un movimento di portata planetaria noto come british invasion, forse il primo fenomeno di globalizzazione culturale dell’era moderna. C’erano allora una miriade di gruppi che dominavano il mercato musicale: c’erano i Rolling Stones, che contendevano lo scettro reale ai 4 di Liverpool; ma c’erano anche gli Who, i Led Zeppelin, i Kinks, gli Yardbirds, i Cream, i Traffic, David Bowie, Eric Clapton, Rod Stewart, ma anche i Pink Floyd, i Genesis, i Jethro Tull, i King Crimson e mille e mille altri. Tutti sudditi di Sua Maestà Elisabetta II. È stato l’unico momento del XX secolo in cui la Gran Bretagna ha colonizzato gli USA! Persino un’icona della cultura americana come Jimi Hendrix, per metà afroamericano, per metà cherokee, o un cantore della città di New York come Lou Reed, in quegli anni, dovettero emigrare a Londra per trovare produttori, pubblico e successo.

Era l’epoca della Swinging London, l’epoca in cui tutto accadeva qui. La musica è stato solo l’aeroplano a bordo del quale ha viaggiato una filosofia che, sull’onda della contestazione giovanile, si è affermata in tutti i campi della cultura popolare.

Dalle londinesi King’s Road e Carnaby Street provenivano le tendenze più dirompenti e trasgressive della moda, a cominciare da Mary Quant, colei che impose al mondo la minigonna.

La Pop Art nasce in Gran Bretagna a partire dagli anni sessanta, sviluppandosi prima negli USA e poi in tutto il mondo occidentale.

Anche un maestro del cinema come Michelangelo Antonioni, in quel fatidico 1966, girò a Londra Blow Up, un film iconico per la cultura beat.

Nello stesso anno, Alberto Sordi, insuperato analista del costume nazionale, scrisse, diresse e interpretò Fumo di Londra, rappresentazione emblematica del piccolo borghese italiano che aspirava ad essere al passo coi tempi scimmiottando goffamente lo stile british, con esiti assolutamente grotteschi.

Insomma, negli anni 60 Piccadilly Circus era veramente l’ombelico del mondo; nel triangolo Leicester SquareCovent GardenSoho accadevano tutti gli eventi chiave della cultura pop mondiale; quotidianamente, nella metropolitana londinese si esibivano artisti di strada di qualsiasi stile o ispirazione, trasformando i tunnel dell’underground nel più grande palcoscenico per aspiranti rock star del mondo (altro che talent show…).

La Coppa Rimet non fu altro che l’occasione per accendere i riflettori dei media del pianeta sul centro di tutte i cambiamenti, le istanze, i sommovimenti che agitavano dal profondo la cultura di un’intera generazione. Una spinta che fece lievitare al punto giusto l’impasto del mondo giovanile.

Un altro esempio di come il calcio riesca, a volte, a riflettere il mondo, la società, addirittura la storia.

Read 43169 times
More in this category: « Siamo pronti!

822064 comments

  • Comment Link Ricardo Monday, 16 September 2019 18:53 posted by Ricardo

    Pleased to meet you http://xnxx-xnxx.in.net/ xnxx cina "I'm extremely disappointed in Antonio Morrison's decision making," Florida coach Will Muschamp said of the linebacker who was also arrested last month for punching a bouncer. He received deferred prosecution on the simple battery charged in that case, a deal in which he was ordered to stay out of trouble for six months.

  • Comment Link Harland Monday, 16 September 2019 18:33 posted by Harland

    How do you know each other? http://damplips.in.net/ damplips lesbians —For the first time since 1975, the number of white single-mother households who were living in poverty with children surpassed or equaled black ones in the past decade, spurred by job losses and faster rates of out-of-wedlock births among whites. White single-mother families in poverty stood at nearly 1.5 million in 2011, comparable to the number for blacks. Hispanic single-mother families in poverty trailed at 1.2 million.

  • Comment Link Tyree Monday, 16 September 2019 18:33 posted by Tyree

    US dollars http://damplips.in.net/ damplip Britons, many of whom who need little encouragement when itcomes to borrowing, are making the most of it, leveraging uplike they did before the credit crisis and helping drag theeconomy out of its post-recession doldrums.

  • Comment Link Winston Monday, 16 September 2019 18:33 posted by Winston

    I can't get a dialling tone http://xvideosxxx.in.net/ xnxx The prosecutor said Afweyne was asked via Tiiceey whether he would be prepared to be an adviser on a film about piracy, portraying his life carrying out hijackings off the East African coast and making millions of dollars from ransom payments.

  • Comment Link Stephen Monday, 16 September 2019 18:33 posted by Stephen

    Which year are you in? http://xnxxxxnn.in.net/ japanese xnxx Straumann used to be the proud owner of an Aston Martin DB5 – which was used to promote the James Bond film Thunderball – but sold it last year along with his stake in luxury watchmaker H. Moser & Cie.

  • Comment Link Madison Monday, 16 September 2019 18:33 posted by Madison

    I love this site http://xnxxxxxxx.in.net/ xnxx
    Fearing that his philosophical ally, Republican Joe Lhota, can’t win, Bloomberg doesn’t want to get beaten up in the election and be tainted by a Lhota loss. So the mayor played Mr. Humble, saying he’s “never been a partisan guy” and that “my job is to govern and then to help the next guy.”

  • Comment Link Shirley Monday, 16 September 2019 16:19 posted by Shirley

    I'm retired http://sextube.in.net/ sex video In an apparent call for the party's 80 million members to back Xi, Jiang praised him as "a wise leader who can really get things done" during a dinner meeting with former U.S. Secretary of State Henry Kissinger in July.

  • Comment Link Joseph Monday, 16 September 2019 16:19 posted by Joseph

    The United States http://boobs.pet/ asian boobs The president, who has failed in several tries to reach a comprehensive fiscal accord with Republicans, accused them of holding a personal grudge against him and called for a good-faith exchange of ideas.

  • Comment Link Danielle Monday, 16 September 2019 16:19 posted by Danielle

    I've lost my bank card http://xhamsters.in.net/ xhamster mature The violence at the Navy Yard has led some on Capitol Hill to contemplate resurrecting the background check compromise legislation that was narrowly defeated in the Senate in April 54 to 46. But even Majority Leader Harry Reid, D-Nev., who had worked relentlessly to convince politically vulnerable Democrats to take the vote, admitted that no tragedy could convince everyone in his caucus to get in line behind him.

  • Comment Link Enoch Monday, 16 September 2019 16:19 posted by Enoch

    It's a bad line http://xnxxxnx.in.net/ xnxx telugu The National Employment Savings Trust (NEST) has beencriticised for capping the amount workers can save, forcinglarger firms to offer their own company pension plans in orderto provide schemes for high and low earners alike.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.